Giardinaggio efiori.com  



 

Torna Indietro   Giardinaggio efiori.com > Giardino e dintorni > Avversità

Strage di api: un rischio per tutta l'umanità

Questa discussione si intitola Strage di api: un rischio per tutta l'umanità nella sezione Avversità, appartenente alla categoria Giardino e dintorni; Ho letto questo articolo e ne sono rimasta scioccata, anche qui in Toscana ci sono dei grossi problemi con le ...

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 27-04-08, 11:17
L'avatar di Emanuela
Emanuela Emanuela è offline
Azienda agricola biologica
"Podere Marco Polo"

 
Data Registrazione: 28-09-07
Località: I live in Pitigliano Tuscany 334 m. slm
Messaggi: 14820
Grazie dati: 10
Ringraziato 34 volte in 16 post
Punti reputazione: 30
Invia un messaggio via Skype™ a Emanuela Sono....: Donna
Predefinito Strage di api: un rischio per tutta l'umanità

Ho letto questo articolo e ne sono rimasta scioccata, anche qui in Toscana ci sono dei grossi problemi con le api, molti amici apicultori sostengono di non saper più come fare e come porre rimedio, ma ogni anno hanno sempre men o api e sempre meno miele


le api si ammalano e muoiono e sembra non ci sia nulla da fare




L'inarrestabile moria delle api segna un'emergenza planetaria. La profezia di Einstein rischia di avverarsi: no api, no vita

Pubblicato in Cronaca|TAG: api, moria api, profezia einstein, spopolamento alveari
#icoSu {height:30px;margin-top:10px; clear:both;}#icoSu a {padding:0 6px; border-right:1px solid #d7dee4; float:left; height:18px; cursor:pointer;}




«Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra – diceva Albert Einstein - all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita».
L'inquietante profezia del grande fisico è in realtà il frutto di un lucido ragionamento: niente api, niente impollinazione; quindi niente piante; né animali erbivori. E quindi, niente più uomini.

Al di là del paradosso, la presenza degli industriosi insetti sul pianeta è fondamentale e il fatto che oggi la popolazione totale delle api risulti dimezzata, sta diventando un'emergenza planetaria.

Il misterioso fenomeno della moria della api imperversa su scala mondiale, basti pensare che in Italia - fa luce la Coldiretti - solo nel 2007 si è registrata la perdita di 200mila alveari, mentre negli Stati Uniti la situazione è ancora più drammatica: in alcuni territori gli alveari sono stati devastati, con mortalità del 60-70%, tanto che è stata coniata la sindrome del Colony Collapse Disorder, Sindrome dello spopolamento degli alveari.

"Se avremo meno miele, utilizzeremo più zucchero", potrebbero pensare alcuni (con la stessa lungimiranza di Maria Antonietta che avrebbe detto, alla vigilia della rivoluzione: "Se popolo non ha pane, mangi brioches").
Non è così. La strage di api non mette a rischio il solo futuro dell’apicoltura, ma ha ripercussioni su tutto il nostro comparto agricolo, dal momento che oltre un terzo delle coltivazioni sono impollinate grazie al loro lavoro.

Mele, pere, mandorle, agrumi, pesche, kiwi, castagne, ciliegie, albicocche, susine, meloni, cocomeri, pomodori, zucchine, soia, girasole e, colza - spiega la Coldiretti - dipendono completamente o in parte dalle api per la produzione dei frutti, come pure la grande maggioranza delle colture orticole da seme, come l’aglio, la carota, i cavoli e la cipolla, si può riprodurre grazie alle api. Ma le api sono utili anche per la produzione di carne con l’azione impollinatrice che svolgono nei confronti delle colture foraggere, come l’erba medica ed il trifoglio, fondamentali per i prati destinati agli animali da allevamento.
In Italia, la perdita degli alveari, lo scorso anno, ha provocato un danno economico per la mancata impollinazione pari a 250 milioni di Euro.

L'amarezza dei conti lascia il posto a un interrogativo inquietante: che cosa sta uccidendo le api?
Un apicoltore spiega «Non troviamo api morte negli alveari. Le nostre api scompaiono senza lasciar traccia. Sicché è difficile capire la causa della catastrofe».
Tra le ipotesi fatte, oltre a virus e a parassiti, spesso frutto di introduzioni di specie da altri paesi, vi è chi attribuisce la responsabilità della strage ai troppi
pesticidi sparsi sulle coltivazioni; altri puntano il dito sulle sementi geneticamente modificate (Ogm); per altri ancora sarebbero le onde elettromagnetiche attivate dalla telefonia cellulare, responsabili delle difficoltà che le api incontrano nel ritornare al proprio alveare.
Ma l’Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici (Apat) lancia l’allarme sulla presenza di un nuovo nemico delle api da non sottovalutare: «il ruolo del clima, perché un suo andamento irregolare può interrompere il flusso normale di nutrienti che sono necessari alle api per la loro crescita e sviluppo, indebolendo le difese dell’alveare».

(L.F.)
__________________
E' quello che ci ha insegnato il Buddha: quando le condizioni sono sufficienti le cose si manifestano; quando le condizioni non sono più sufficienti le cose si ritirano in attesa che arrivi il momento giusto per manifestarsi di nuovo».
Rispondi Con Citazione

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

  #2  
Vecchio 27-04-08, 22:30
L'avatar di pieracd
pieracd pieracd è offline
Pollice Verde
 
Data Registrazione: 05-10-07
Località: Imperia
Messaggi: 20449
Grazie dati: 165
Ringraziato 285 volte in 216 post
Punti reputazione: 105
Sono....: Donna
Predefinito

sì Manu, avevo sentito un servizio in qualche Tg mi sembra, ed anche io ero rimasta allibita in effetti non penseremmo mai che le conseguenze potrebbero essere così devastanti

Purtroppo, non credo ci sia nulla che ognuno di noi potrebbe fare per dare il suo piccolo contributo :o

o qualcosa c'è???
__________________

Piera
Rispondi Con Citazione
  #3  
Vecchio 27-04-08, 22:49
L'avatar di Meddy
Meddy Meddy è offline
Pollice Rosso
 
Data Registrazione: 30-12-07
Località: torino
Messaggi: 2501
Grazie dati: 0
Ringraziato 0 volte in 0 post
Punti reputazione: 40
Sono....: Donna
Predefinito

Anch'io ho trovato la notizia sconvolgente. Qui in Piemonte si parla del 70% di api in meno rispetto allo scorso anno!! Non saprei proprio cosa si potrebbe fare, anche perchè non è ben chiara l'origine di questa morìa... Che tristezza!
Rispondi Con Citazione
  #4  
Vecchio 28-04-08, 06:53
L'avatar di Emanuela
Emanuela Emanuela è offline
Azienda agricola biologica
"Podere Marco Polo"

 
Data Registrazione: 28-09-07
Località: I live in Pitigliano Tuscany 334 m. slm
Messaggi: 14820
Grazie dati: 10
Ringraziato 34 volte in 16 post
Punti reputazione: 30
Invia un messaggio via Skype™ a Emanuela Sono....: Donna
Predefinito

Qui da noi, molti imputano questa moria ai troppi concimi chimici, ai trattamenti chimici che vengono spruzzati sulle piante ed al diserbo di cui si abusa, io non so quale sia la ragione, so solo che a me fa male vedere l'erba diventata gialla per i trattamenti subiti
__________________
E' quello che ci ha insegnato il Buddha: quando le condizioni sono sufficienti le cose si manifestano; quando le condizioni non sono più sufficienti le cose si ritirano in attesa che arrivi il momento giusto per manifestarsi di nuovo».
Rispondi Con Citazione
  #5  
Vecchio 29-04-08, 14:37
L'avatar di nature'sworld
nature'sworld nature'sworld è offline
Pollice Rosso
 
Data Registrazione: 16-10-07
Località: Venice's mainland
Messaggi: 2555
Grazie dati: 2
Ringraziato 14 volte in 7 post
Punti reputazione: 55
Predefinito

io ho visto un servizio proprio sulla moria di api, mi è rimasto molto impresso.
le cause, dicevano, sono dovute ai vari tipi di veleno che usano nelle coltivazioni. ad esempio il "veleno" che mettono sopra i chicchi di mais (quello che li colora in superficie di verde o viola, affinchè non vengano mangiati), fa si che molte api della zona in cui c'è quel campo di mais muoiono e tutte le altre sono costrette ad allontanarsi. infatti per molti chilomentri poi non ci sono più api. anche dovuto ai veleni nei frutteti
__________________
Rispondi Con Citazione
  #6  
Vecchio 29-04-08, 16:27
marcisett marcisett è offline
Pollice Bianco
 
Data Registrazione: 08-03-08
Località: chiavari
Messaggi: 125
Grazie dati: 0
Ringraziato 0 volte in 0 post
Punti reputazione: 25
Sono....: Uomo
Predefinito

Due sono le cause principali della moria e della fuga dagli alveari delle api: l'uso indiscriminato e impropio di insetticidi e, l'acaro varroa. Micidiali sono gli insetticidi sistemici usati prima della fioritura, in francia e in germania e ora anche in italia l'uso di questi ha decimato intere famiglie. Ugualmente micidiali sono gli insetticidi di contatto , questi rimanendo sulle piante , e cadendo sull'erba circostante , sono ingeriti dalle api quando al mattino vanno a rifornirsi d'qcqua dopo una rugiada notturna. L' acaro varroa: questo è capillarmente inserito nel nostro territorio; se in primavera inizio estate , disopercolando una decina di celle da fuco(maschio d'ape) se ne trovano più di tre infestate da varroa , il livello di infestazione inizia a diventare preoccupante e il futuro della famiglia può essere compromesso. Inoltre la pericolosità di questo acaro deriva dalla quantità di virus trasmessi, queste infezioni virali mettono in pericolo la sopravivenza della famiglia, per questo vengono fatti trattamenti vari, perchè le api che dovranno affrontare lìinverno devono essere sane; in caso contrario sarà consistente il rischio di crolli di popolazione nei mesi freddi, con possibilità di estinzione della famiglia che non riuscirà più a riscaldarsi per mancanza di api. Un ottimo effetto varroicida lo produce l'acido ossalico , si tratta di una sostanza presente in natura , contenuta in molti vegetali, tra qui diversi commestibili (spinacio e altri) . In molti hanno cercato di aumentare l'efficacia di questo trattamento per eliminare completamente l'acaro, data la facilità di somministrazione, e il costo irrisorio del prodotto, si è assistito all'applicazione del principio"che se uno fa bene due fanno meglio" A dosaggi elevati di acido ossalico la tossicità nell'ape è notevole , anche se non si tratta di nocività acuta, l'ape non muore immediatamente al contatto della sostanza, ma subisce una riduzione dell'aspettativa di vita tanto maggiore quanto è maggiore è la quantità di acido ossalico con qui viene a contatto. La mancanza di tossicità acuta à indotto molti apicoltori in errore e a fatto sì che imboccasserola via degli alti dosaggi , causa di morie invernali delle famiglie , o di spopolamenti che le fanno arrivare alla primavera in condizioni precarie, e aggiungo anche che probabilmente stufe di bonbardamenti continui buona parte lascia l'alveare cescando una dimora più tranquilla. Marcello
Rispondi Con Citazione
  #7  
Vecchio 10-01-09, 13:47
raimondo
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito

la realtà è che si utilizzano troppi veleni in agricoltura.
bisognerebbe prendere più seriamente in considerazione l'agricoltura naturale. nel caso specifico delle api pare che ora la causa più probabile sia la concia dei semi con particolari fitosanitari. hanno deciso di vietarne l'utilizzo per il prossimo anno in via cautelativo.
Rispondi Con Citazione
  #8  
Vecchio 10-01-09, 13:56
L'avatar di Emanuela
Emanuela Emanuela è offline
Azienda agricola biologica
"Podere Marco Polo"

 
Data Registrazione: 28-09-07
Località: I live in Pitigliano Tuscany 334 m. slm
Messaggi: 14820
Grazie dati: 10
Ringraziato 34 volte in 16 post
Punti reputazione: 30
Invia un messaggio via Skype™ a Emanuela Sono....: Donna
Predefinito

hai perfettamente ragione, ma vai a spiegare ai contadini che sono qui vicini a noi, che è meglio non avvelenare la terra, perchè se usano in diserbante, (che ora viene chiamato disseccante, perchè sembra meno nocivo .....) se lo mangina con le verdure, la frutta, l'olio o il vino che coltivano

e d'altro canto, perchè chi vuole coltivare la terra usando sistemi non invasivi e naturali, deve pagare continuamente, una specie di tangente, all'Ente certificatore del Biologico?

visto che c'è una legge italiana che autorizza il singolo ad autocertificare, perchè non ci fanno autocertificare ed i controlli li fanno super fiscali

il rappresentante del mio ente certificatore del Biologico, non è mai andato a vedere gli ulivi, si è sempre accontentato di guardarli a distanza (paura di inzaccherarsi le scarpe??), non ha mai fatto un controllo nello stanzino dove abbiamo concimi e tutto quello che serve per coltivare le nostre piante, guarda solo le fatture

sono controlli seri questi, a mio avviso no e se li fanno così, con noi dove possono ricavare ben poco, chi mi garantisce che siano seri con le grosse Aziende

sono perfettamente conscia che quello che scrivo è grave, ma visto che mi sono letta la legge sul Biologico, mi aspettavo maggior serietà dall'Ente che pago perchè mi controlli
__________________
E' quello che ci ha insegnato il Buddha: quando le condizioni sono sufficienti le cose si manifestano; quando le condizioni non sono più sufficienti le cose si ritirano in attesa che arrivi il momento giusto per manifestarsi di nuovo».
Rispondi Con Citazione
  #9  
Vecchio 11-01-09, 10:31
raimondo
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito

prima di continuare la discussione sono interessato a conoscere di cosa ti occupi.

tornando alla discussione, c'è gente che si occupa di biologico solo per interessi economici (l'esempio più eclatante è quello di LifeGate). secondo me bisognerebbe partire anche da noi consumatori. Andare ad acquistare sempre quello che costa meno è tirarci la zappa sui piedi. Il biologico costa un po' di più ma dietro valorizza molti settori compreso quello sociale.
Poi i grossi produttori di biologico si affidano a persone che il biologico lo devono mal sopportare, perchè alcuni di questi "esperti" vorrebbero gli OGM nel biologico. Ci sono anche modelli di agricoltura che non si rifanno al biologico ma che utilizzano sistemi di coltivazione che puntano a diminuire drasticamente l'utilizzo di sostanze nocive. Tipo l'agricoltura integrata.

Il circolo è vizioso, ad sempio nei TG non dicono mai che un modello di auto costa troppo o non vanno mai a raffrontare i prezzi dei cellulari o dei computers. Dove si va a discutere è sui beni di prima necessità che a sentire loro costano sempre troppo (per via dei passaggi dal produttore al bancone del fruttivendolo, certo... però poi si ha la sensazione che i prodotti della terra dovrebbero quasi darceli gratuitamente e che a spendere di più si è dei somari. se qualcuno non se lo può permettere è un'altro discorso). Ci sono piccoli produttori di biologico ormai in tutti i cantoni del nostro paese, se una parte dei consumatori spostasse il loro "voto" verso questo settore, si incentiverebbero altri agricoltori a convertirsi all'agricoltura naturale.

Avevo postato in "chiacchere sparse" una discussione sugli OGM, ora questi contamineranno anche il settore del Biologico in modo irreversibile. Non ci sarà la possibilità di poter tornare indietro. Questo perchè l'opinione pubblica è insensibile a queste questioni. Le grandi compagnie internazionali che vogliono gli OGM sono le stesse che hanno già arrecato danni incalcolabili all'agricoltura e all'ambiente, e possono fare i loro interessi senza che la cosa desti un minimo di preoccupazione.
Rispondi Con Citazione
  #10  
Vecchio 25-01-09, 11:07
raimondo
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito

se posso permettermi: meglio acquistare il miele dai piccoli apicoltori, non devono passare un gran bel periodo con tutti questi problemi. acquistare da loro vuol dire sostenerli (e sostenere la produzione del buon miele, e non quello del supermercato che è povero e pastorizzato). poi c'è la regola sacrosanda, che ognuno spenda i propri soldi dove meglio crede. non voglio sindacare su questa regola.


moria api e spettacoli futuri
Inviato da: "Laboratorio Eudemonia" eulab@hyperlinker.com danhyp
Data: Sab 24 Gen 2009 12:44 pm





http://firenze.repubblica.it/multime...1?ref=rephpsp4

VIDEO

Allarme nuovi pesticidi: fanno morire le api in soli due minuti
La morte arriva in appena due minuti: una piccola ape beve le gocce
d'acqua trovate sulle foglie di mais trattato con i nuovi pesticidi
neonicotinoidi, due giri d'orologio e cade a terra morta. Sono le
drammatiche immagini mostrate dal video realizzato nel corso della
ricerca eseguito dai professori Vincenzo Girolami e Luca Mazzon, del
gRuppo Entomologia del Dipartimento di agronomia ambientale
dell'Università di Padova. Da Montalcino, sede dell'associazione
apicoltori italiani, arriva l'allarme: negli ultimi anni più del 40%
delle api sono morte e secondo loro è colpa di questi nuovi
pesticidi. (Video realizzato da Vincenzo Girolami e Luca Mazzon,
gruppo Entomologia, Dipartimento di Agronomia Ambientale, Università
di Padova - audio Fabio Galati)
[21 gennaio 2009]


###
__________________
Rispondi Con Citazione

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

Rispondi

Tag
api, lumanità, rischio, strage, tutta

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato


Discussioni Simili
Discussione Autore Discussione Forum Risposte Ultimo Messaggio
La strage delle camelie alex Avversità 6 18-05-20 21:26
correrò il rischio pieracd Rose: Specie, varietà, ibridi e cultivar 278 12-03-10 15:54
million bells...una strage Jandia Avversità 18 08-06-09 23:21
Strage dei Carpini dany58 Avversità 2 08-07-08 16:11
Strage di cani a Tirana Piera Quattro zampe in giardino ma anche due, sei, cento.... 6 19-06-08 22:00


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 11:10.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0
Alcune foto potrebbero provenire da altri siti. Qualora qualcuno riconoscesse la propria foto e non avesse piacere di vederla su questo forum è invitato a comunicarlo all'Amministratore. Provvederemo a rimuoverla al più presto.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0