Giardinaggio efiori.com  



 

Torna Indietro   Giardinaggio efiori.com > Le Speciali > Cactacee e Succulente > Cactacee e Succulente: Approfondimenti

Coltivazione cactacee: Acqua e Temperatura

Questa discussione si intitola Coltivazione cactacee: Acqua e Temperatura nella sezione Cactacee e Succulente: Approfondimenti, appartenente alla categoria Cactacee e Succulente; L'acqua Le piante grasse hanno la capacità di immagazzinare e conservare l’acqua, ma bisogna pur sempre fare in modo che ...

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 16-06-10, 10:27
L'avatar di pulcius
pulcius pulcius è offline
Pollice Giallo
 
Data Registrazione: 27-04-09
Località: forlì
Messaggi: 518
Grazie dati: 0
Ringraziato 3 volte in 3 post
Punti reputazione: 190
Predefinito Coltivazione cactacee: Acqua e Temperatura

L'acqua
Le piante grasse hanno la capacità di immagazzinare e conservare l’acqua, ma bisogna pur sempre fare in modo che l’acqua arrivi loro. Va sfatato il detto che le piante grasse non vogliono essere bagnate mai e che bisogna totalmente dimenticare le annaffiature; non è assolutamente vero.

Ancora una volta il principio è tenere in considerazione l’ambiente in cui la specie è spontanea e nel quale si è evoluta.
Probabilmente in quei luoghi piove molto di rado, ma quando piove si aprono le cateratte del cielo e tutto si allaga. Quei rari e brevi momenti servono alle succulente per assorbire tutta l’acqua che possono immagazzinare, centellinandone poi il consumo fino al successivo acquazzone.

Così bisogna comportarsi anche in coltivazione: le piante vanno bagnate abbondantemente, in modo che possano suggere e riempire le riserve d'acqua e successivamente aspettare fino a quando le abbiano pressoché esaurite.
Potremo capire il momento giusto guardando il pane di terra del vaso. Quando sarà totalmente asciutto il momento è arrivato. Nel dubbio, meglio aspettare qualche giorno per poi bagnare di nuovo la pianta abbondantemente, simulando l’effetto di un nuovo acquazzone.




Le grasse in natura vivono in maniera ciclica un periodo di stasi vegetativa, del quale hanno bisogno per riposarsi. Nella coltivazione domestica lo faremo coincidere con la stagione fredda.

A fine settembre andranno quindi effettuate le ultime annaffiature. Da ottobre a fine marzo non dovranno essere più bagnate.
Questo è il periodo in cui le piante succulente vanno pressoché dimenticate, anche se si disidratano leggermente non dobbiamo farci impietosire: un’annaffiatura in pieno inverno sarebbe deleteria o addirittura fatale.

Un’altra domanda ricorrente del coltivatore non esperto riguarda il “tipo” di acqua con cui bisogna bagnare.

Su questo tema i pareri sono discordanti. Alcuni dicono che l’acqua dell’acquedotto danneggia la pianta a causa del suo contenuto di cloro; altri sostengono che l’acqua molto calcarea è dannosa; altri ancora annaffiano esclusivamente con acqua piovana, che però non contiene sali minerali disciolti.

Chi possiede un pozzo in Romagna sa che l’acqua è molto calcarea, ma se la si lascia decantare in contenitori di plastica tra una annaffiatura e l’altra, in modo che parte del calcio si depositi sulle pareti e sul fondo dei contenitori, è ottima per l’annaffiatura ed offre il vantaggio di essere a temperatura ambiente, il che è estremamente importante perché non crea scompensi termici nelle piante.
Questo metodo non presenta generalmente problemi, a parte naturalmente il fatto che non tutti possiedono un pozzo.

Si possono però applicare gli stessi accorgimenti all’acqua dell’acquedotto, lasciandola prima decantare all’aria aperta così che il cloro sfumi e il calcio in eccesso si depositi e così utilizzarla anche alla temperatura ottimale.

Qualcuno potrà obiettare che le vasche di acqua possono trasformarsi in vivai di zanzare tigre, molto diffuse in Romagna: per ovviare a questo problema, è sufficiente depositare spezzoni di filo di rame nudo sul fondo dei contenitori; combinandosi con l’acqua si produrrà cloruro di rame, elemento tossico per le larve delle zanzare ma utile alle piante come anticrittogamico.

Nemmeno l’acqua piovana è sempre disponibile; l’ideale sarebbe una capiente cisterna per convogliare gli scarichi delle grondaie, ma non sempre questa è una soluzione adottabile.
Se si dispone quindi di poca acqua piovana, la si può imbottigliare e destinarla alla annaffiatura delle semine. Non contenendo calcio quest'acqua non crea quella crosta superficiale tanto dannosa alle plantule appena nate.



La temperatura

La maggior parte delle succulente in coltivazione sono sensibili agli sbalzi di temperatura. Generalmente l’inverno è il periodo di riposo e l’estate quello di crescita, ma il caldo o il freddo eccessivi possono indurre la stasi vegetativa durante qualsiasi periodo dell’anno. In questo caso le piante rimangono a riposo finché la temperatura non rientra nei valori favorevoli alla crescita.

Nei loro habitat naturali, le succulente sopravvivono invece senza troppi traumi a notevoli variazioni di temperatura.

I Sempervivum possono resistere per mesi ricoperti di neve e piante originarie delle Ande, come gli Oreocereus, tollerano tanto il sole cocente del giorno quanto il gelo notturno.

Altri generi, come l’Epiphyllum, abitano invece giungle costantemente calde e sature di vapore.



È molto difficile parlare di temperatura di coltivazione, considerando che i collezionisti possiedono piante provenienti da latitudini molto diverse, che vanno dal 30° parallelo nord al 30° parallelo sud e che contemplano altipiani posti a 4-5 mila metri di altitudine, deserti come quello del Cile, della Namibia e dell’Arabia Saudita, dove i raggi del sole sono implacabili e l’escursione termica tra il giorno e la notte può superare addirittura i 30° C., zone tropicali costantemente calde e umide o catene montuose, dove le temperature rimangono prossime allo 0° per diversi mesi all’anno.

Possiamo però fare delle ipotesi e alcune considerazioni basandoci esclusivamente sulla nostra esperienza.

Sappiamo che il caldo o il freddo eccessivi inducono alla stasi vegetativa, ma non è possibile prevedere i valori di questi eccessi. Ipoteticamente va detto che, sopra i 35° C. e sotto i 10° C. di temperatura media (per temperatura media si intende un’oscillazione tra i 30 e i 50° C. per le massime e tra i 5° e i 15° C. per le minime), le piante entrano in stasi vegetativa.
Le piante pertanto vegetano normalmente quando la temperatura oscilla tra i 15 e i 30° C.
Oltre questi valori, per prima cosa vanno sospese le annaffiature, poi bisognerà adoperarsi per ripararle se il clima è troppo freddo o per ombreggiarle se è troppo caldo e sono esposte in pieno sole.

In base a queste considerazioni, le annaffiature vanno sospese non solo quando la temperatura si abbassa, ma anche quando raggiunge livelli troppo alti. Se infatti si annaffia una pianta posta in un vaso in pieno sole quando la temperatura è molto alta, si rischia che il pane di terra vada in ebollizione con l’effetto di “lessare” la pianta e trovandosi la pianta in stasi vegetativa, l’umidità trattenuta dal pane di terra per alcuni giorni creerà le condizioni favorevoli allo sviluppo di funghi e batteri.

Per quanto riguarda le temperature minime invernali e i ricoveri predisposti per mantenerle, occorre tener presente che le esigenze delle piante non sono tutte uguali.

Piante tropicali come Melocactus, Discocactus, Adenium, Kalanchoe, Pachipodium e molte caudiciformi, necessitano di temperature minime non inferiori ai 15-16° C., mentre Echinocereus, Echinopsis, Sempervivum, Opunzie, Lithops e molte altre, sopportano temperature anche al di sotto dello 0° C.

La stragrande maggioranza delle piante succulente comunque può affrontare l’inverno ad una temperatura che oscilla tra i 4 e gli 8° C., purché la terra sia mantenuta completamenta asciutta.

È dunque importante conoscere molto bene le piante della propria collezione, da dove provengono e a quali climi si sono adattate.

Come si è già fatto notare, è anche molto importante il rapporto tra temperatura e umidità: quest’ultima non deve mai essere eccessiva, tanto in inverno quanto in estate; le piante quindi vanno collocate in ambiente asciutto e ventilato, perché i ristagni di umidità sono l’ambiente ideale per lo sviluppo e la propagazione di malattie crittogamiche, quali marciumi, muffe, virosi e batteriosi.




Autore: Emilio Capacci (Pulcius)

Ultima modifica di Ortensia Mancini; 06-08-10 alle 13:40
Rispondi Con Citazione

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

  #2  
Vecchio 24-08-11, 00:55
L'avatar di Suppiluliumas
Suppiluliumas Suppiluliumas è offline
Pollice Bianco
 
Data Registrazione: 26-07-11
Località: Santa Sofia (FC)
Messaggi: 336
Grazie dati: 59
Ringraziato 44 volte in 25 post
Punti reputazione: 0
Invia un messaggio via Skype™ a Suppiluliumas Sono....: Uomo
Predefinito

Complimenti per la spiegazione molto esaustiva. Ho un dubbio: io abito in Romagna in una zona di campagna dove una sorgente è stata incanalata per portare acqua ad una cisterna. Ho sempre usato quest'acqua per le mie grasse e non sembra essere molto calcarea in realtà. Sbaglio a non lasciarla decantare? Può comportare conseguenze di una certa rilevanza un'annaffiatura ricca di calcare? Grazie.
Rispondi Con Citazione
  #3  
Vecchio 24-08-11, 07:36
L'avatar di Stefy
Stefy Stefy è offline
Utente esperta in passiflore

 
Data Registrazione: 15-03-08
Località: Fiumicino (RM)
Messaggi: 19985
Grazie dati: 86
Ringraziato 270 volte in 233 post
Punti reputazione: 65
Sono....: Non voglio dirlo!
Predefinito

Il calcaree tende ad "intasare" le radici che ad un certo punto non riescono più ad assorbire gli elementi nutritivi del terreno e dell'acqua. Quindi, sarebbe
buona abitudine utilizzare acqua decantata almeno qualche volta rispetto alle annaffiature totali dell'anno. Da bandire assolutamente per le acidofile, ma questo è un altro discorso
__________________
" Il giardinaggio deve essere anche sperimentazione, tentativi da fare contro ogni regola codificata, gusto dell'avventura coltivata in pochi metri quadrati di terra". (G. Betto)





Ultima modifica di oldhen; 26-08-12 alle 11:23 Motivo: niente emoticon negli approfondimenti!
Rispondi Con Citazione

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

Rispondi

Tag
acqua, cactacee, coltivazione, temperatura

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09:29.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0
Alcune foto potrebbero provenire da altri siti. Qualora qualcuno riconoscesse la propria foto e non avesse piacere di vederla su questo forum è invitato a comunicarlo all'Amministratore. Provvederemo a rimuoverla al più presto.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0