Giardinaggio efiori.com  



 

Torna Indietro   Giardinaggio efiori.com > Giardinopedia > Giardinopedia: le nostre schede sugli alberi

Acer palmatum

Questa discussione si intitola Acer palmatum nella sezione Giardinopedia: le nostre schede sugli alberi, appartenente alla categoria Giardinopedia; Nome botanico: Acer palmatum Nome comune: Acero giapponese Foto Cerchina: Foto Silvana: Foto Silvana: Foto Cerchina: Foto Silvana: Famiglia: Aceraceae/Sapindaceae ...

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 17-03-15, 08:25
L'avatar di Silvana
Silvana Silvana è online
Tutor della sezione: Progettiamo - Tecniche di giardinaggio - Metodi di riproduzione
 
Data Registrazione: 27-05-10
Località: Albairate (MI)
Messaggi: 18889
Grazie dati: 16280
Ringraziato 7986 volte in 5828 post
Punti reputazione: 335
Invia un messaggio via Skype™ a Silvana Sono....: Donna
Predefinito Acer palmatum

Nome botanico: Acer palmatum

Nome comune: Acero giapponese

Foto Cerchina:



Foto Silvana:



Foto Silvana:



Foto Cerchina:



Foto Silvana:



Famiglia: Aceraceae/Sapindaceae

Genere: Acer

Origine: Giappone, Cina, Corea, sud est della Russia e Mongolia.

Progenitori: specie botanica.

Habitat: nelle regioni d'origine cresce nei climi temperati in boschi ombrosi come pianta da sottobosco, a quote variabili tra 100 e 1300 m. slm. Coltivato da secoli in Giappone fu introdotto in Europa nel 1820.

Portamento: a chioma arrotondata o a piramide inversa a volte a portamento arbustivo.

Dimensioni: Albero di quarta grandezza raggiunge i 6-8 metri di altezza, ma nelle regioni d'origine può crescere molto di più.

Foglie: Le foglie sono caduche, opposte, lunghe 5-12 cm. palmato-lobate con 5-7 o 9 lobi profondamente incisi e seghettati ai margini. Le varietà e le sottospecie naturali si differenziano principalmente per la dimensione e la forma dei lobi.

Fiori/infiorescenze: I fiori sono piccoli (6-8 mm) non molto appariscenti, rosso porpora, sono riuniti in piccoli corimbi eretti o penduli che si sviluppano verso aprile dopo l'apertura delle foglie.

Colore: presenta un'ampia variabilità nella colorazione del fogliame, di solito è rosso in primavera, verde in estate per tornare rosso più scuro in autunno.

Frutti/semi: le infruttescenze sono disamare molto divergenti raccolte in grappoli eretti o penduli e contenenti ciascuna un solo seme di 5-8 mm. Come per tutte le samare le "ali" sfruttano la forza del vento per la disseminazione spontanea (anemofila).

Corteccia: Il fusto in genere è slanciato, spesso con corteccia liscia e grigiastra che tende a desquamarsi invecchiando

Esposizione: sole/mezz'ombra

Tipo di terreno: predilige terreni fertili, umidi e ben drenati; leggermente acidi (PH 5,1-6,5)

Rusticità: da zona USDA 5B a 8B (fino a -20/-25°C) tuttavia, specie le cultivar, vanno riparate dai venti freddi e dalle gelate tardive che possono uccidere le foglie giovani. Resistente anche all'inquinamento.

Crescita: lenta

Longevità:
la vita media è di circa 100 anni.

Malattie: è soggetto ad afidi, acari, bruchi e avvizzimento da Verticillium e Armillaria.

Cure successive all’impianto:
I giovani esemplari da aprile a settembre necessitano di annaffiature regolari ogni volta che il terreno si presenta asciutto. Per gli esemplari adulti sono sufficienti le piogge a meno di periodi di siccità prolungata lasciando comunque asciugare il terreno tra le annaffiature.
Laddove le temperature scendono sotto i -10°C. è utile una pacciamatura autunnale delle radici.

Moltiplicazione: la propagazione è piuttosto difficile: in primavera possono essere tentate le talee che non radicano molto facilmente, la semina richiede l'utilizzo di semi freschi che vanno scarificati e poi sottoposti a stratificazione in frigorifero per parecchi mesi.

Potatura: non necessaria; sono particolarmente sconsigliate le potature severe alle quali reagisce in modo stentato.

Utilizzo: per le dimensioni contenute e la crescita piuttosto lenta è adatto anche ai piccoli giardini sia come esemplare isolato sia nel secondo o terzo piano di aiuole arbustive miste.
E' molto utilizzato nelle alberature stradali e nei parchi.
Alcune delle numerosissime varietà e cultivar sono adatte alla coltivazione in vaso e, specie la var. dissectum e cultivar simili a rami arcuati, sono molto usate per la formazione di bonsai.

Curiosità: tra il Settecento e l'Ottocento la coltivazione dell'acero in Giappone conobbe un periodo di grande popolarità. Per la grande richiesta di appassionati e collezionisti, giardinieri e "cacciatori di piante" erano alla continua ricerca di nuove varietà da sottoporre ad ibridazione e coltivazione intensiva. Nel 1710 le cultivar erano già 36, ma aumentarono poi di anno in anno e nel 1882 se ne conoscevano già 202.

Nel calendario cinese, ottobre è rappresentato da foglie di acero giapponese.

Commenti degli utenti:
Citazione:
Greta Stella (Trezzo sull'Adda):
riprodurre l'Acer palmatum per talea e' quasi impossibile, nel vivaio dove lavoravo ogni volta ci provavamo ma quando su 20 ne venivano 2 era tanto. Per la tecnica, talea semilegnosa, solo che noi usavamo dei particolari ormoni che ai privati non vendono, abbiamo provato in primavera, estate, autunno e inverno, sempre in serra, riscaldata e non, sempre con risultati deludenti....Alcune sembravano lì lì per farcela , ma poi nulla!
Anche gli innesti sono da urlo alle volte, per questo che spesso in vendita questa piante raggiungono prezzi da capogiro!
Citazione:
Boba 74 (Ferrara):
il "vero" acero giapponese non esiste, nel senso che sono tutti aceri palmati (Acer palmatum) originari del Giappone, di cui ne esistono decine e decine di varietà, alcune fanno foglie verdi, alcune rosse solo in primavera, alcune tutto l'anno ("atropurpureum") altre con foglie molto suddivise ("dissectum") ecc... tutti ottenuti tramite selezione e incroci.
Comunque la specie selvatica non selezionata fa foglie rosse solo a primavera e autunno, ma verdi in estate.

Dalla semina di uno di questi aceri "selezionati" non spunta necessariamente un acero con le stesse caratteristiche del genitore, in quanto con la riproduzione per seme possono emergere tutte le variabilità possibili della specie, che nella pianta selezionata sono nascoste.

Ad esempio, dall'atropurpureum molte piantine avranno foglie rosse tutto l'anno, ma alcune diventeranno verdi in estate, o una mezza via di verde scuro-rossastro.

L'unico modo sicuro per ottenere la stessa pianta è riprodurla per talea.
Citazione:
Silvana (Albairate):
quando siamo arrivati in questa casa al posto di un pino preesistente abbiamo piantato un acero palmato che ora è già abbastanza cresciutello ed a primavera ci delizia con le sue foglie rossicce e i peduncoli dei suoi semi che sembrano quasi dei piccoli fiorellini. In primavera ed in autunno è rosso, mentre durante la stagione estiva le foglie virano al verde.
Quando in autunno arrossa il fogliame è come avere in giardino una palla di fuoco.

A dire il vero con il terreno che c'è nel giardino è stata una pura scommessa piantarlo e farlo crescere proprio lì, diciamo che abbiamo cercato di avere ogni cura perchè non ci deludesse: abbiamo scavato una buca bella larga e fonda, l'abbiamo riempita di terra torbosa e per parecchio tempo abbiamo dato solfato di ferro al terreno intorno. Dalla crescita direi che si è adattato abbastanza bene, la chioma è un pò squilibrata verso la zona della casa perchè purtroppo è il lato che riceve più sole, dovrò decidermi a spuntarlo un pò da quel lato per aiutare la crescita del lato opposto.
__________________
Puoi conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui egli tratta gli animali.
(Immanuel Kant)

Fino a quando non hai amato un animale, una parte della tua anima sarà sempre senza luce.
(Anatole France)

Ultima modifica di asfura; 20-03-15 alle 07:15
Rispondi Con Citazione
I seguenti 4 utenti hanno ringraziato Silvana per questo post
Butterfly (17-03-15), Corymba (21-03-15), iole24 (18-03-15), xmery (18-03-15)

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

  #2  
Vecchio 17-03-15, 08:27
L'avatar di Cerchina
Cerchina Cerchina è offline
Nostra Signora della Giardinopedia
Responsabile Giardinopedia

 
Data Registrazione: 27-09-07
Località: Valsesia e Marche
Messaggi: 32268
Grazie dati: 688
Ringraziato 882 volte in 605 post
Punti reputazione: 515
Sono....: Donna
Predefinito

Altre varietà o cultivar:
L'Acer palmatum si differenzia spontaneamente in parecchie forme e varietà. Questa facilità ha fatto si che in Giappone sia stato ibridato da secoli e che a tutt'oggi si conoscano centinaia di cultivar tutte interessanti per la forma, le colorazioni e l'utilizzo.

Ne citiamo solo alcune:

- A. palmatum f. atropurpureum (sin: 'Atropurpureum'): con foglie rosso porpora e rosso brillanti in autunno, profondamente lobate.

-
A. palmatum
'Beni Kagami': a rami penduli e foglie molto incise rosso porpora.

-
A. palmatum
´Bloodgood': a foglie molto incise con cinque lobi, rosso porpora scuro, rosso vivo in autunno e frutti rossi.

-
A. palmatum
´Butterfly': ha portamento eretto, foglie piccole e lobi poco profondi, di colore verde-grigio e margini bianchi e rosa

- A. palmatum 'Corallinum': a crecita lenta, foglie piccole verde chiaro e in primavera rosa vivo.

- A. palmatum 'Crimson Queen': rami arcuati, foglie profondamente incise, finemente dentate rosso porpora.

- A. palmatum var. dissectum (sin A. 'Dissectum'): portamento arrotondato, rami arcuati, foglie a 7-11 lobi, profondamente incise, diventano dorate in autunno.

- A. palmatum 'Dissectum Atropurpureum': simile alla var. dissectum ma con foglie rosso porpora.

- A. palmatum 'Dissectum Ornatum Variegatum': simile alla var. dissectum ma con foglie a margini bianchi.

- A. palmatum var. heptalobum: ha foglie con 7-9 lobi che virano all'arancione e al rosso in autunno.

-
A. palmatum
'Kagiri-nishiki' (sin: 'Roseomarginatum'): a foglie blu verdi, profondamente incise e margine bianco-rosa che diventano rosa e rosse in autunno.

- A. palmatum 'Linearilobum' (sin 'Scolopendrifolium'): foglie profondamente incise con 7 lobi sottili, verde brillante che virano al giallo in autunno.

- A. palmatum´Osakazuki´: grandi foglie a 7 lobi che diventano rosso brillante in autunno.

- A. palmatum 'Sango-kaku' (sin 'Senkaki'): ha rami rosso corallo in inverno e foglie arancione giallo da giovani e giallo chiaro in autunno.
__________________

L'indirizzo della moderazione è moderazione@efiori.it
Per piacere scrivere solo per inviare le schede della giardinopedia, per tutto il resto rivolgersi direttamente sul forum

"provare a fornire nuove informazioni a una persona che nutre pregiudizi é come proiettare luce su una pupilla: si contrae". [Oliver Wendell Holmes, Jr.]

Ultima modifica di Cerchina; 17-03-15 alle 08:42
Rispondi Con Citazione
I seguenti 4 utenti hanno ringraziato Cerchina per questo post
Butterfly (17-03-15), Corymba (21-03-15), iole24 (18-03-15), Silvana (17-03-15)

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

Rispondi

Tag
acer, palmatum

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 20:35.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0
Alcune foto potrebbero provenire da altri siti. Qualora qualcuno riconoscesse la propria foto e non avesse piacere di vederla su questo forum è invitato a comunicarlo all'Amministratore. Provvederemo a rimuoverla al più presto.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0