Giardinaggio efiori.com  



 

Torna Indietro   Giardinaggio efiori.com > L'Altro Giardino > Pensieri in giardino > Pensieri in giardino: Approfondimenti

L'Acqua del Giardiniere

Questa discussione si intitola L'Acqua del Giardiniere nella sezione Pensieri in giardino: Approfondimenti, appartenente alla categoria Pensieri in giardino; È un aprile largamente piovoso e il giardiniere non può dedicarsi a tutte quelle attività che tanto lo gratificano e ...

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 21-06-10, 13:18
L'avatar di Lidia
Lidia Lidia è offline
Pollice Celeste
 
Data Registrazione: 02-10-07
Località: Sicilia - Zona USDA 9b
Messaggi: 18898
Grazie dati: 90
Ringraziato 195 volte in 96 post
Punti reputazione: 250
Sono....: Non voglio dirlo!
Predefinito L'Acqua del Giardiniere

È un aprile largamente piovoso e il giardiniere non può dedicarsi a tutte quelle attività che tanto lo gratificano e che tanto ha aspettato di poter praticare, così è tempo di osservare.

Vago in giardino sotto la pioggia e noto che comunque negli alberi la foliazione è ad uno stadio avanzato, malgrado le temperature non così miti, e noto anche che le fioriture si palesano sfidando le intemperanze di Giove pluvio.




Il prato appena falciato è già quasi pronto per un nuovo taglio e, invece di rallentare a causa del poco sole, tutto procede con estrema vivacità.

È l'acqua a rendere possibile questo rigoglio.

L’acqua, che in Inghilterra cade copiosa e rende i giardini un tripudio di bellissime fioriture, di arbusti dalla crescita che non corrisponde mai a quella dei nostri, stando almeno alle dimensioni indicate dalla Royal Horticultural Society; è l'acqua che dona quella colorazione verde tenero e rilucente a prati stabili e pascoli di quelle terre.



Ricordo bene un piccolo giardino, il cui nuovo impianto era sostanzialmente di erbacee perenni, tutto ben calibrato e dosato per le dimensioni di quello spazio. Curve studiate, misure delle piante controllate e pensate, insomma tutto perfetto.
Ma l’acqua fece la differenza… l’impianto di irrigazione, utilizzato senza parsimonia, rese quel laborioso studio un fallimento: tutte le essenze divennero enormi, crebbero a dismisura, alterando tutta la struttura che il progettista aveva pensato e annullando ogni risultato.



L’acqua, un bene prezioso per ogni giardino e per ogni essenza che lo componga, benefica per i prati ma anche per gli alberi, indispensabile per i contadini ma anche per i giardinieri.
Rende vitale il giardino, permette le fioriture e favorisce la crescita.



Lo sanno bene le Rose che il caldo limita fortemente… Quando gli amici del sud mi chiedono quali Rose utilizzare, la prima cosa che chiedo loro è quanta acqua abbiano a disposizione da somministrare. Diversamente è un’impresa ardua e frustrante: quando fa tanto caldo e c’è scarsità di acqua, le rose segnano il passo e si addormentano, per sopravvivere al caldo e alla siccità.
La loro crescita si ferma e le fioriture si azzerano, insomma non si compra certo una rosa solo per avere un arbusto verde e per giunta spinoso!



Eppure, è giusto che i nostri giardini vengano irrigati copiosamente, quando l'acqua sta diventando, ogni giorno di più, un bene da conservarsi ad ogni costo?
Inutile negare che i tempi che verranno saranno durissimi in questo senso e chi vive al nord ha già visto le differenze tra gli inverni di qualche anno/decennio fa e quelli odierni. Bisognerebbe, allora, fermarsi a riflettere sul fatto che dovremo utilizzare l’acqua in maniera ragionata.

Qui sotto, l'immagine dal sito del Comune di Cernusco sul Naviglio (Mi) che ha aderito alla campagna "50 Comuni per l'Acqua bene comune".



I nostri giardini sono per lo più spazi allestiti con una varietà di piante che solitamente hanno un fabbisogno idrico medio-alto.
Non voglio criticare o biasimare, ma spesso un piccolo sforzo, che non sia volto unicamente alla ricerca del bello o di ciò che desideriamo, ma anche all'attenzione al consumo dell’acqua, può educarci e prepararci al fatto che inevitabilmente molti generi e specie sono destinati a non trovare più, nemmeno al nord, l’ambiente ideale per vivere.

Proviamo a riflettere sulla quantità d’acqua che si utilizza per mantenere costantemente verde il prato… certo, un prato rigoglioso e verdeggiante dona respiro nelle estati assolate, ma ha senso?
Se si parla di una piccola o piccolissima estensione tenuta a prato, lo spreco è davvero minimo, ma in un prato di grandi dimensioni?



Di sicuro siamo ammaliati e ammalati di anglofilia verde, ma l’Inghilterra è l’Inghilterra e la sua posizione geografica le consente scelte che a noi sono quasi proibite se non abbiamo a disposizione acqua in abbondanza e tutto ciò, a mio avviso, è una forzatura che rientra negli sprechi consumistici di un pianeta che non se lo può permettere.
Oltretutto, eticamente un simile spreco si rivela uno schiaffo a tutte quelle popolazioni che nel mondo non hanno acqua bastante, non per irrigare i campi – figuriamoci i giardini – ma per sopravvivere.




Impariamo a guardare con occhi diversi anche le piante che hanno minori necessità idriche. Magari non saranno proprio quelle che ci fan perdere la testa fra tante e tante essenze, ma possono, nel loro piccolo, contribuire ad economizzare una risorsa indispensabile alla vita di ogni essere di questo pianeta e, allo stesso tempo, educare ulteriormente il giardiniere.

Solo qualche nome, per iniziare il percorso: fra i piccoli alberi l’Alloro (Laurus nobilis), il Corbezzolo (Arbutus unedo) e fra i grandi e medi arbusti, la Buddleja, il Cotynus, l’Hybiscus e ancora la Nandina, il lieve Caryopteris, le meravigliose Spiraea, in particolare le bumalda o japonica, la Phyllirea, il Vitex Agnus-Castus, il Teucrium fruticans.

Fra le erbacee perenni le Euphorbia, le Lavandule, la Perovskia, l’incredibile Bergenia – che non chiede mai nulla e si adatta a qualunque clima ed esposizione – il Centranthus, il Senecio cineraria, l’Helichrysum, la Kniphofia, i versatili Hemerocallis, la meravigliosa Phlomis.
La lista potrebbe continuare per molto e non è possibile elencarle tutte, ma basterebbe cominciare a pensarci per sentirsi parte attiva nel proteggere un grande bene di tutti: l’acqua.

Autore: Anna Damiani
__________________
[/FONT][/B][/COLOR] "Un bimbo muove tutto sottosopra e allo stesso tempo mette le cose al posto giusto."

Ultima modifica di Ortensia Mancini; 04-08-10 alle 02:02
Rispondi Con Citazione

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    


Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

Rispondi

Tag
giardiniere, lacqua

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 18:54.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0
Alcune foto potrebbero provenire da altri siti. Qualora qualcuno riconoscesse la propria foto e non avesse piacere di vederla su questo forum è invitato a comunicarlo all'Amministratore. Provvederemo a rimuoverla al più presto.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0