Giardinaggio efiori.com  



 

Torna Indietro   Giardinaggio efiori.com > L'Altro Giardino > Pensieri in giardino

L’Orto di Nemo: ora il basilico cresce sotto il mare

Questa discussione si intitola L’Orto di Nemo: ora il basilico cresce sotto il mare nella sezione Pensieri in giardino, appartenente alla categoria L'Altro Giardino; avete mai sentito parlare dell'orto di Nemo?.. sinceramente io no ne ho appena sentito parlare in TV e sono andata ...

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 14-08-19, 21:44
L'avatar di Silvana
Silvana Silvana è online
Tutor della sezione: Progettiamo - Tecniche di giardinaggio - Metodi di riproduzione
 
Data Registrazione: 27-05-10
Località: Albairate (MI)
Messaggi: 18193
Grazie dati: 15425
Ringraziato 7605 volte in 5534 post
Punti reputazione: 335
Invia un messaggio via Skype™ a Silvana Sono....: Donna
Predefinito L’Orto di Nemo: ora il basilico cresce sotto il mare

avete mai sentito parlare dell'orto di Nemo?.. sinceramente io no
ne ho appena sentito parlare in TV e sono andata a cercare la notizia

e così ho scoperto che davanti a Noli, in una serra sottomarina a 8 metri di profondità, si coltiva il basilico. Ideale per le coltivazioni idroponiche

Una serra sottomarina a 8 metri di profondità dove poter coltivare specie vegetali come basilico e fragole

. L’esperimento sulla costa di Noli ha portato ai primi buoni risultati.
Cosa hanno a che fare agricoltura e subacquea?
Apparentemente nulla fino a qualche tempo fa.
Oggi, grazie agli esperimenti condotti da Ocean Reef, azienda con base in California e Genova che produce apparecchiature subacquee e guidata da Sergio Gamberini, è possibile coltivare piante a 8 metri di profondità al largo delle coste di Noli, in provincia di Savona. «L’idea originaria era quella di creare un sistema interattivo tra la superficie terrestre e quella subacquea, che fosse diversa dall’attività di cui ci occupiamo», spiega Gamberini. «Volevo portare qualcosa di terreste sott’acqua».



Una serra sottomarina
Nel 2012 nasce così l’Orto di Nemo, ovvero una serra sottomarina nella quale coltivare specie vegetali. Quell’anno Gamberini installa la prima biosfera, in pratica un paracadute di plastica riempito d’aria, dove all’interno pianta i primi semi di basilico. «Notai che lo sviluppo delle piante era particolarmente rapido. Nel giro di 48 ore i semi cominciavano già a germogliare». Da qui la volontà di capire le possibili applicazioni. «Il sistema è autonomo e isolato. All’interno della bolla insetti e altri agenti non riescono ad arrivare». Ma sono due le caratteristiche fondamentali delle biosfere, spiega l’ingegnere: «Per prima cosa la temperatura interna risulta costante, visto che in mare gli sbalzi termici sono minimi tra il giorno e la notte. La seconda caratteristica è che, durante il giorno, l’aria contenuta aumenta di qualche grado. Questo fa sì che l’acqua marina a contatto con la biosfera evapori e condensi sulle pareti di plastica, formando di fatto acqua dolce».

Tecnica idroponica
Le sfere sottomarine si rivelano quindi serre ottimali per la crescita vigorosa delle piante, in particolare utilizzando la tecnica idroponica: temperature costanti ed elevata umidità. «Ci siamo resi conto che un sistema di questo tipo è molto efficiente, in particolare in zone desertiche dove c’è escursione termica elevata e scarsità d’acqua dolce». L’Orto di Nemo è inoltre monitorato 24 ore al giorno. Si possono conoscere in tempo reale tutti i parametri biofisici della sfera, dall’ossigeno, all’anidride carbonica, all’umidità. In questo modo sarà possibile raccogliere tutti i dati relativi all’esperimento. «Nei prossimi giorni, coadiuvati dal Cersaa (Centro di sperimentazione e assistenza agricola), semineremo piselli, fagioli, lattuga e fragole. Così da creare una varietà completa di specie vegetali adatte al consumo umano».

Fattibilità e prezzi
Il passaggio successivo è capire la fattibilità su larga scala del progetto: «L’obiettivo è quello di realizzare un sistema autosostenibile, che non richieda costi eccessivi di realizzazione», conclude Gamberini. «Anche se non è detto che riusciremo a produrre varietà a un prezzo conveniente. Però ci stiamo provando».








__________________

Ultima modifica di Silvana; 14-08-19 alle 21:53
Rispondi Con Citazione
I seguenti 3 utenti hanno ringraziato Silvana per questo post
carlina (15-08-19), Emme (15-08-19), Titti7 (15-08-19)

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

  #2  
Vecchio 14-08-19, 22:20
L'avatar di Silvana
Silvana Silvana è online
Tutor della sezione: Progettiamo - Tecniche di giardinaggio - Metodi di riproduzione
 
Data Registrazione: 27-05-10
Località: Albairate (MI)
Messaggi: 18193
Grazie dati: 15425
Ringraziato 7605 volte in 5534 post
Punti reputazione: 335
Invia un messaggio via Skype™ a Silvana Sono....: Donna
Predefinito

Storyline

2012
Primo tentativo
La storia di Nemo's Garden è iniziata nel 2012 nella baia di Noli, sulla Riviera italiana, quando Sergio Gamberini, fondatore di Ocean Reef Group, ha avuto un'idea originale, cercando di combinare due delle sue passioni: le immersioni subacquee e il giardinaggio. Il primo esperimento è stato condotto nell'estate del 2012, con una biosfera molto piccola ancorata al fondo del mare. Qui abbiamo piantato basilico verde e siamo riusciti a coltivare un buon raccolto! Questa struttura era ancora troppo piccola per consentire agli agrinauti di entrare

2013
IL PROGETTO INIZIA A PRENDERE FORMA
Nell'estate del 2013, la fattoria sottomarina è stata ampliata con due biosfere di politene da 800 litri. Queste strutture più grandi erano abbastanza grandi per consentire agli agrinaut di entrare, in modo da poter seguire la crescita del basilico fino alla raccolta. Le analisi condotte dall'istituto di ricerca privato CeRSAA sul nostro basilico sottomarino hanno mostrato che aveva lo stesso sapore di quello coltivato in terra, ma le foglie contenevano più olii essenziali rispetto alla coltura standard: 72,94% vs 57,13%. Ulteriori indagini al riguardo sono ancora in corso.

2014
AMPLIAMENTO DEL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA RICERCA
Nell'estate del 2014, abbiamo deciso di ampliare le nostre ricerche e di fare un ulteriore passo avanti nel nostro progetto! Oltre alle già esistenti biosfere da 800 litri, è stata progettata e installata sott'acqua una biosfera più grande da 2.000 litri. Questa espansione ci ha aiutato a comprendere meglio gli aspetti ingegneristici del nostro progetto. Inoltre, abbiamo iniziato a coltivare un diverso tipo di raccolto: l'insalata.
Alla fine della stagione agricola, abbiamo assaggiato una deliziosa salsa Nemo Pesto fatta con il nostro basilico e una grande ciotola a foglia di insalata! Certamente, la prima insalata di immersioni di sempre.

2015
IL MONDO SCOPRE IL GIARDINO DI NEMO
Durante il 2015, il numero di persone coinvolte in questo progetto su base volontaria è aumentato e l'habitat subacqueo è cresciuto sempre più. A quel tempo, Nemo's Garden era composto da: quattro biosfere da 800 litri, una biosfera da 2.000 litri, due biosfere da 50 litri e una biosfera rigida da 2.000 litri. Questo è stato un anno molto importante per il nostro progetto, con un aumento del numero di biosfere in una varietà di forme, dimensioni e materiali e oltre trenta nuove colture. Abbiamo anche assistito a un forte aumento dell'esposizione dei media, guidato anche dalla nostra partecipazione all'EXPO2015 di Milano!

Durante l'estate abbiamo piantato basilico verde, basilico rosso, diversi tipi di insalate (rucola, lattuga, rossetto, ciotola verde), pomodori, zucchine, fagioli, piselli, erbe (menta, origano, salvia, timo, coriandolo), fiori , aloe vera, funghi e molte altre colture. Certo, non abbiamo sempre avuto successo. In alcuni casi, l'umidità era troppo elevata e le condizioni di crescita non erano ideali, ma in generale le cose andavano molto bene. I test chimici hanno mostrato un'alta concentrazione di oli essenziali a causa dell'ambiente in pressione, condizioni di crescita più rapida (purché l'umidità e la temperatura dell'aria siano mantenute sotto controllo) e nessun effetto negativo derivante dalla radiazione solare inferiore


2016
Quest'anno i nostri obiettivi erano: convalidare i dati dell'anno precedente, progettare tecniche di coltivazione idroponica per biosfere sottomarine e sperimentare piante in crescita per applicazioni cosmetiche e farmaceutiche. I miglioramenti tecnologici che abbiamo escogitato hanno anche reso possibili nuovi sviluppi per Nemo's Garden: non solo come serre sottomarine, ma anche come laboratori subacquei sotto pressione, osservatori sottomarini e attrazioni turistiche. Inoltre, per la prima volta nella storia di Nemo's Garden abbiamo avuto la possibilità di mantenere il progetto in esecuzione durante l'inverno. Onde in arrivo e condizioni meteorologiche avverse sono state alcune delle sfide che abbiamo dovuto superare.


2017
CRESCITA CONTINUA
Nel 2017, abbiamo lavorato per espandere la nostra fattoria sottomarina aggiungendo un'altra biosfera, destinata ad essere utilizzata come osservatorio per studi relativi alla raccolta e produzione di acqua dolce.
Come abbiamo già detto, la biosfera è un sistema chiuso in cui, a causa della differenza di temperatura tra l'aria al suo interno e l'acqua di mare, quest'ultima può evaporare e condensarsi sulla superficie interna. Quest'acqua, che non contiene nutrienti, può essere utilizzata per l'irrigazione dopo aver aggiunto una quantità adeguata di fertilizzante. Sono state ideate diverse soluzioni per raccogliere l'acqua dolce e riutilizzarla per le nostre colture. Inoltre, quest'anno abbiamo usato l'idroponica come metodo di coltivazione, che ci ha permesso di raccogliere una notevole quantità di verdure

2018
NON MOLLARE MAI
La stagione 2018 è stata incentrata sull'ottimizzazione del sistema e della tecnologia, insieme alla massimizzazione della produzione di acqua dolce. Per raggiungere questi obiettivi abbiamo costruito condensatori per aumentare la quantità di acqua dolce prodotta dal sistema ogni giorno.
Nuovi sistemi idroponici orizzontali sono stati installati in combinazione con quello verticale. Posizionata sugli scaffali all'interno di ogni biosfere, questa nuova installazione ci ha dato la possibilità di crescere fino a 90 piante per biosfera.
Piante coltivate durante la stagione: Basilico, Timo, Salvia, Menta, Origano, Rosmarino, Liquirizia, Cumino nero, Maggiorana, Tagete, Pomodori, Fragole, Lavanda, Calendula, Stevia, Escoltia californica, Aloe vera, Lattuga, Fiori della passione, Prunella, Ravanello. Alcuni per la prima volta.
Purtroppo alcune di queste piante erano ancora sott'acqua durante l'autunno quando si è verificata la più grande tempesta mai registrata nel Mar Mediterraneo (onda 10 mt @ 12 sec). Le biosfere sono durate, ma il livello dell'acqua di mare si è alzato distruggendo piante, tecnologia, cavi. Sulle strutture terrestri e nei porti lungo la costa ligure si sono registrati gravi danni.
Accettare i fallimenti non è mai facile, soprattutto se si pensa a tutte le energie e risorse dedicate a questo progetto. Tuttavia, la passione che abbiamo per quello che facciamo è così profonda che non ci arrendiamo. È tempo di rimboccarsi le maniche e rinnovare l'habitat.

2019
UN NUOVO INIZIO
Quest'anno è iniziato con un enorme lavoro intrapreso dal team non solo per ripristinare l'habitat, ma per renderlo ancora più forte e più auto-sostenibile che mai.
Abbiamo aumentato il numero di pannelli solari per alimentare l'habitat, testato un nuovo trattamento di rivestimento volto a preservare la trasparenza delle biosfere diminuendo le operazioni subacquee.
Sono stati costruiti più condensatori per fornire tutta l'acqua necessaria per le oltre 100 piante per biosfera.
È stata avviata una nuova collaborazione con l'Università di Ingegneria di Genova per condurre studi sulla termodinamica all'interno della biosfera.
__________________

Ultima modifica di Silvana; 14-08-19 alle 22:59
Rispondi Con Citazione
I seguenti 3 utenti hanno ringraziato Silvana per questo post
carlina (15-08-19), Emme (15-08-19), Titti7 (15-08-19)
  #3  
Vecchio 14-08-19, 23:46
L'avatar di amantedeifiori
amantedeifiori amantedeifiori è offline
Pollice indaco
 
Data Registrazione: 30-12-08
Località: Mugello
Messaggi: 5258
Grazie dati: 1617
Ringraziato 2074 volte in 1260 post
Punti reputazione: 470
Sono....: Donna
Predefinito

Stasera ne hanno parlato e lo hanno fatto vedere a superquark

Inviato dal mio MotoG3 utilizzando Tapatalk
__________________
Castelluccio di Norcia
Rispondi Con Citazione
Il seguente utente ha ringraziato amantedeifiori per questo post
Silvana (14-08-19)
  #4  
Vecchio 15-08-19, 07:35
L'avatar di Silvana
Silvana Silvana è online
Tutor della sezione: Progettiamo - Tecniche di giardinaggio - Metodi di riproduzione
 
Data Registrazione: 27-05-10
Località: Albairate (MI)
Messaggi: 18193
Grazie dati: 15425
Ringraziato 7605 volte in 5534 post
Punti reputazione: 335
Invia un messaggio via Skype™ a Silvana Sono....: Donna
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da amantedeifiori Visualizza Messaggio
Stasera ne hanno parlato e lo hanno fatto vedere a superquark
che peccato me lo sono peso ..ho solo sentito la notizia in un telegiornale. e mi son persa superquark..magari lo ritrovo su Raiplay
__________________
Rispondi Con Citazione
  #5  
Vecchio 15-08-19, 10:55
L'avatar di Emme
Emme Emme è online
Pollice Giallo
 
Data Registrazione: 10-07-19
Località: Paullo
Messaggi: 653
Grazie dati: 833
Ringraziato 382 volte in 250 post
Punti reputazione: 0
Sono....: Non voglio dirlo!
Predefinito

Trovo queste iniziative molto confortanti, dato il cambiamento climatico e la desertificazione che avanza.

Veramente interessante questo tipo di coltivazione
Rispondi Con Citazione
Il seguente utente ha ringraziato Emme per questo post
Silvana (15-08-19)

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

Rispondi

Tag
basilico, cresce, l’orto, mare, nemo, ora, sotto

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 13:54.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0
Alcune foto potrebbero provenire da altri siti. Qualora qualcuno riconoscesse la propria foto e non avesse piacere di vederla su questo forum è invitato a comunicarlo all'Amministratore. Provvederemo a rimuoverla al più presto.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0