Giardinaggio efiori.com  



 

Torna Indietro   Giardinaggio efiori.com > Le Speciali > Rose

Lo zolfo e le rose

Questa discussione si intitola Lo zolfo e le rose nella sezione Rose, appartenente alla categoria Le Speciali; La mancanza di un giardino tutto mio, mi ha sempre penalizza per quanto riguarda la coltivazione delle rose. Ma dopo ...

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
  #1  
Vecchio 26-02-12, 11:11
rita
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito Lo zolfo e le rose

La mancanza di un giardino tutto mio, mi ha sempre penalizza per quanto riguarda la coltivazione delle rose.

Ma dopo aver scoperto che nei miei balconi assolati, le rose se la passano abbastanza bene, ho iniziato una piccola collezione di rose in vaso.

Con l’avvicinarsi della primavera ho l’esigenza (ma penso come tutti voi) di prevenire attacchi fungicidi.

Quindi che prodotti usare?

Dai miei ricordi, ho ben il mente lo zolfo in polvere, quindi puro, che mio Padre era solito usare, in tutte le piante, sia da frutto che da fiore, ad esempio le rose.

So che in commercio c’è un ottimo prodotto che è la poltiglia bordolese, composta da solfuro di rame (sali di zolfo) e calce, quest’ultima oltre a svolgere un azione disinfettante sulla pianta, contrasta gli effetti collaterali del rame.

Ma mi sono chiesta:

perché mio Padre usava solo lo zolfo in polvere?

E la polvere di calce sui tagli (oltre alla pece sciolta) e sulle ferite da malattie?

Da qui una mia ricerca, che spero possa essere utile anche voi.

Ho letto che in ambito agricolo, lo zolfo svolge sulle piante due importanti funzioni:

nutrizionale e cura preventiva dalle malattie fungine.

Riguardo la nutrizione, lo zolfo è considerato un elemento importante per la vita di tutte le piante e per la qualità delle produzioni.

Nei terreni la maggior parte di zolfo è legato alla sostanza organica.

Questo elemento (sostanza organica) dimostra la sua importanza per le piante nella formazione di molti composti:

come nella composizione di enzimi e vitamine, stimola l’assorbimento dell’azoto e del fosforo ed è inoltre indispensabile per l’attività di alcuni batteri del terreno, i solfobatteri, che ossidano lo zolfo in solfato, rendendolo così disponibile alle colture.

Gli effetti benefici dello zolfo sui vegetali, non si devono solo attribuire al suo diretto apporto, ma anche alle azioni indirette che esso ha nei confronti del suolo, migliorandone le caratteristiche chimico/fisiche, riducendo il pH e favorendo l’assorbimento di microelementi, riducendo così, eventuali carenze, aumentando la fertilità.

Oltre alle proprietà che ho appena descritto, c’è anche da ricordare che lo zolfo ha effetto anticrittogamico.

Lo zolfo è senza dubbio il prodotto principale, nella difesa anti oidica.

La sua azione si differenzia dai comuni anticrittogamici sistemici, in quanto non penetra nel tessuto e nella linfa delle piante e quindi non causa tossicità e resistenza.

Tutti sappiamo che l’oidio è una patologia funginea che si manifesta sulle foglie delle piante colpite, con una efflorescenza biancastra, di aspetto polverulento.

Successivamente le macchie biancastre necrotizzano a partire dalla parte centrale con accartocciamento delle nervatura principale e moria di estese porzioni fogliare, con conseguente deperimento generale delle piante.

Trattamenti fatti in maniera preventiva a base di zolfo in polvere evitano l’insorgere di questa grave malattia, preservandone la crescita e la fioritura delle piante.

Lo zolfo allo stato di vapore/polvere agisce e interferisce con la funzionalità delle membrane e della catena respiratoria, devitalizzando le conidiospore al momento della loro germinazione, bloccando perciò l'inizio dell'infezione.

Quindi agisce per contatto come prodotto di copertura.

Il trattamento deve coprire uniformemente e completamente la superficie da proteggere ed ha scopo esclusivamente preventivo.

Infatti, con infestazioni in atto, lo zolfo in polvere, non ha alcun effetto curativo e tanto meno eradicante.

Per il suo meccanismo d'azione, l'efficacia dello zolfo è strettamente condizionata dalla temperatura e dal grado di finezza della polvere.

Le temperature minime, sotto le quali lo zolfo in polvere fine non ha efficacia, sono 10-12 °C.

Oltre i 30 °C, inoltre, lo zolfo ha in genere effetti fitotossici.

Il pregio dello zolfo consiste nella tossicità virtualmente e di avere un impatto ambientale bassissimo.


Ricapitolando il tutto:

Dopo la potatura, per prevenzione, si può usare lo zolfo in polvere, nebulizzando in modo uniforme ogni 15/20 giorni, da effettuare durante le ore più fresche della giornata ad es. la mattina presto o la sera al tramonto.

Naturalmente in caso di pioggia rieffettuare la prevenzione.

Si può dare del zolfo sempre in polvere anche al terriccio, in questo modo:

fare un piccolo scavo circolare attorno alla pianta di rosa, distante una 30ina di cm, distribuire un cucchiaio di zolfo in polvere tutto a girare nel solco (se la pianta è troppo giovane usarne di meno) e poi coprire il solco con uno strato leggero di terriccio.

Inoltre per curare il mal bianco già ben evidenziato, e non si vogliono adottare prodotti chimici, oltre ad asportare tutte le foglie infette, si può provare dello zolfo in polvere diluito in acqua e spruzzato sopra le piante e sulle radici, innaffiando con questa miscela zolfo/acqua.

Non sarà debellato del tutto ma si rallentano gli effetti dannosi.
Rispondi Con Citazione
I seguenti 8 utenti hanno ringraziato per questo post
Adry52 (26-02-12), Butterfly (26-02-12), lolly (26-02-12), luka2003 (27-02-12), Rosmarie (26-02-12), Silvana (26-02-12), Valter (26-02-12), vanda (27-02-12)

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

  #2  
Vecchio 26-02-12, 12:43
L'avatar di fiorebianco
fiorebianco fiorebianco è offline
Pollice Giallo
 
Data Registrazione: 27-05-10
Località: Milano
Messaggi: 570
Grazie dati: 1
Ringraziato 16 volte in 14 post
Punti reputazione: 10
Predefinito

Interessante. Dove si trova lo zolfo? Nei consorzi agrari potrebbero averlo?
__________________
com'è strano un terrazzo a milano http://giardinaggio.efiori.com/forum...se-2010-a.html
Rispondi Con Citazione
  #3  
Vecchio 26-02-12, 15:14
Valter Valter è offline
Guest
 
Data Registrazione: 14-11-10
Località: Modena
Messaggi: 6346
Grazie dati: 806
Ringraziato 371 volte in 217 post
Punti reputazione: 25
Sono....: Uomo
Predefinito

Ti ringrazio Rita per questo thread che sottolinea gli innumerevoli aspetti positivi nell'utilizzo del zolfo.

Di contro c'è da ricordare che questo minerale risulta irritante per l'uomo e gli animali, se viene in contatto con la pelle o se inalato:

è quindi consigliabile utilizzarlo in giornate non ventose e coprendosi in maniera adeguata.

Può risultare anche dannoso per le piante, anche se la sua fitotossicità si manifesta particolarmente nel caso di utilizzo su piante con gemme già ben sviluppate, pronte a schiudersi e sulla vegetazione più giovane.

E' consigliabile quindi utilizzare lo zolfo soltanto durante l'autunno o l'inverno, ed in maniera limitata durante l'estate.

Manifesta particolare fitotossicità in caso di forti sbalzi di temperatura, come si può verificare facilmente a fine inverno o in primavera.

Ultima modifica di Valter; 26-02-12 alle 15:48
Rispondi Con Citazione
  #4  
Vecchio 26-02-12, 15:57
L'avatar di Peonia
Peonia Peonia è offline
Pollice Indaco
 
Data Registrazione: 08-07-09
Località: . Roma
Messaggi: 4384
Grazie dati: 2
Ringraziato 102 volte in 94 post
Punti reputazione: 15
Sono....: Donna
Predefinito

ciao Rita.. bellissima introduzione che hai fatto!!!!!!!! ma senti, quanti grammi di zolfo ci vogliono per litro d'acqua?, perchè nelle spiegazioni scritte non ci capisco nullaaaaaa, poi bisogna scioglierlo con cosa?con acqua tiepida?:abbracci o:
Rispondi Con Citazione
  #5  
Vecchio 26-02-12, 19:54
L'avatar di darbin
darbin darbin è offline
Utente esperto di Rose

 
Data Registrazione: 15-10-11
Località: caltanissetta
Messaggi: 1366
Grazie dati: 472
Ringraziato 957 volte in 434 post
Punti reputazione: 55
Sono....: Uomo
Predefinito

"L’ azione dello zolfo sull’oidio è di tipo preventivo in quanto impedisce la germinazione dei conidi, curativo perché agisce sul micelio durante l’incubazione ed eradicante poiché elimina il fungo quando è visibile.L’azione fungitossica dello zolfo è dovuta alla sua capacità di penetrare nella cellula fungina, grazie alla sua liposolubilità, rompendo la membrana cellulare. Questo provoca la fuoriuscita dell’acqua dal fungo e quindi la sua morte per disidratazione

Lo zolfo esplica anche un’azione collaterale insetticida contro neanidi di afidi, tisanotteri e acaricida."


dal simposio del prof.maffei,su metodi biologici e coltivazione

copiato tal quale da dispensa.non ho aggiunto nulla.
__________________
Pourquoi en respirant la rose
Penser a son éphémère beauté?
Garde le souvenir de son parfum
Et tu oublieras qu'elle est déclose

Saadi

Ultima modifica di darbin; 26-02-12 alle 20:29
Rispondi Con Citazione
  #6  
Vecchio 26-02-12, 21:58
rita
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da fiorebianco Visualizza Messaggio
Interessante. Dove si trova lo zolfo? Nei consorzi agrari potrebbero averlo?
nei consorzi agrari dovrebbero averlo...

Citazione:
Originariamente Scritto da Valter Visualizza Messaggio
Ti ringrazio Rita per questo thread che sottolinea gli innumerevoli aspetti positivi nell'utilizzo del zolfo.

Di contro c'è da ricordare che questo minerale risulta irritante per l'uomo e gli animali, se viene in contatto con la pelle o se inalato:

è quindi consigliabile utilizzarlo in giornate non ventose e coprendosi in maniera adeguata.

Può risultare anche dannoso per le piante, anche se la sua fitotossicità si manifesta particolarmente nel caso di utilizzo su piante con gemme già ben sviluppate, pronte a schiudersi e sulla vegetazione più giovane.

E' consigliabile quindi utilizzare lo zolfo soltanto durante l'autunno o l'inverno, ed in maniera limitata durante l'estate.

Manifesta particolare fitotossicità in caso di forti sbalzi di temperatura, come si può verificare facilmente a fine inverno o in primavera.
io ho letto anche durante la primavera, fare la prevenzione con lo zolfo in polvere....basta farlo nelle ore più fresche..

Citazione:
Originariamente Scritto da Peonia Visualizza Messaggio
ciao Rita.. bellissima introduzione che hai fatto!!!!!!!! ma senti, quanti grammi di zolfo ci vogliono per litro d'acqua?, perchè nelle spiegazioni scritte non ci capisco nullaaaaaa, poi bisogna scioglierlo con cosa?con acqua tiepida?:abbracci o:
Peonia stiamo parlando di zolfo in polvere, da usare sempre in polvere sulle piante...senza l'aggiunta di acqua...


Citazione:
Originariamente Scritto da darbin Visualizza Messaggio
"L’ azione dello zolfo sull’oidio è di tipo preventivo in quanto impedisce la germinazione dei conidi, curativo perché agisce sul micelio durante l’incubazione ed eradicante poiché elimina il fungo quando è visibile.L’azione fungitossica dello zolfo è dovuta alla sua capacità di penetrare nella cellula fungina, grazie alla sua liposolubilità, rompendo la membrana cellulare. Questo provoca la fuoriuscita dell’acqua dal fungo e quindi la sua morte per disidratazione

Lo zolfo esplica anche un’azione collaterale insetticida contro neanidi di afidi, tisanotteri e acaricida."


dal simposio del prof.maffei,su metodi biologici e coltivazione

copiato tal quale da dispensa.non ho aggiunto nulla.
avevo letto anch'io questa dispensa....
Rispondi Con Citazione
  #7  
Vecchio 27-02-12, 09:13
L'avatar di luka2003
luka2003 luka2003 è offline
Pollice Arancione
 
Data Registrazione: 25-07-08
Località: veneto bassano del grappa/balcone
Messaggi: 1833
Grazie dati: 117
Ringraziato 68 volte in 55 post
Punti reputazione: 10
Sono....: Donna
Predefinito

Mi sa che appena le temperature saranno sopra i 10-12 ° farò lo scavo attorno le rose e metterò lo zolfo... Così non dovrò avere lo zolfo in aria vero? Ma adesso che ci penso... ci sono 2 cm di stallatico .... posso mettere lo zolfo sotto lo stallatico pellettato? Che casino
__________________
I gatti sono stati messi al mondo per contraddire il dogma secondo il quale tutte le cose sarebbero state create per servire l'uomo. - Paul Gray -
Rispondi Con Citazione
  #8  
Vecchio 27-02-12, 09:37
pstrada
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito

Interessante post.

Nella pratica bonsai si usa il polisolfuro di calcio (soluzione a base di zolfo e calcio), puro o diluito con acqua o acqua ossigenata a 36 volumi, per la protezione del legno secco.
L'effetto è quello di una sorta di pietrificazione e sbiancamento del legno, oltre a una potente azione inibitrice nei confronti sia di attacchi fungini che di insetti minatori.

Recentemente ho scoperto che, usandolo ovviamente in dosi molto diluite, è un ottimo fungicida e repellente anti insetti.

Se può interessare qui si trovano alcune info.

Il polisolfuro di calcio

La puzza è terribile ah ah, uova marce ed estratto di flatulenze fagiolose, ma funziona
Rispondi Con Citazione
  #9  
Vecchio 27-02-12, 11:15
rita
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da luka2003 Visualizza Messaggio
Mi sa che appena le temperature saranno sopra i 10-12 ° farò lo scavo attorno le rose e metterò lo zolfo... Così non dovrò avere lo zolfo in aria vero? Ma adesso che ci penso... ci sono 2 cm di stallatico .... posso mettere lo zolfo sotto lo stallatico pellettato? Che casino
lo zolfo agisce insieme alle sostanze organiche, quindi non dovresti avere problemi con lo stallatico..

poi nel terriccio agisce come nutriente, a livello fogliare invece come preventivo contro le malattie fungine....



Citazione:
Originariamente Scritto da pstrada Visualizza Messaggio
La puzza è terribile ah ah, uova marce ed estratto di flatulenze fagiolose, ma funziona
l'importante che funzioni....poi per la puzza....basta mettere una mascherina

e non uscire di casa per qualche ora...
Rispondi Con Citazione
Il seguente utente ha ringraziato per questo post
luka2003 (27-02-12)
  #10  
Vecchio 15-03-12, 14:01
L'avatar di cobra
cobra cobra è offline
Pollice Blu
 
Data Registrazione: 06-06-08
Località: Milano
Messaggi: 10106
Grazie dati: 324
Ringraziato 283 volte in 127 post
Punti reputazione: 70
Predefinito

Per quanto riguarda lo zolfo va bene pure lo "zolfo bagnabile" da distribuire sul terreno o non c'entra niente con lo zolfo vero e proprio ...?
__________________
.
.
.

Tutti gli esseri tremano di fronte alla violenza. Tutti temono la morte. Tutti amano la vita. (Buddha)

Perche' chi ha aperto gli occhi una volta, non li chiudera' mai piu'.
.
.
Rispondi Con Citazione

Alt Oggi
Fiore
Pubblifiore :p
 
Data registrazione: 01-01-2001
Località: Prato di casa
Interessi: Giardinaggio
Messaggi: 999999
Sono: un fiore pubblicitario
Standard Link sponsorizzati

    

Rispondi

Tag
rose, zolfo

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato



Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 17:25.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0
Alcune foto potrebbero provenire da altri siti. Qualora qualcuno riconoscesse la propria foto e non avesse piacere di vederla su questo forum è invitato a comunicarlo all'Amministratore. Provvederemo a rimuoverla al più presto.

Powered by vBulletin® Version 3.8.5
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0